Vai alle foto
Fulvia Faoro sente parlare della chiusura dei manicomi da un'amica giunta a Trieste da Padova. Decide cosė di trasferirsi e comincia a lavorare nel 1977 in un appartamento di via Battisti.