Immagine in caricamento...
Vai alle foto
Fabio Battellini nasce a Trieste il 1 gennaio 1949. Iscritto alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, nel 1973 entra casualmente in contatto con le strutture dell’allora Ospedale Psichiatrico. Si innamora letteralmente dell’opera di Franco Basaglia, di cui in seguito diventerà amico personale, e inizia la sua collaborazione a tempo pieno in qualità di “operatore volontario autorizzato”. Primo fotografo a documentare le attività di deistituzionalizzaione, da Marco Cavallo, alle “riunione delle 18.00”, alla trasformazione fisica dei reparti ed alla liberazione delle persone manicomializzate. Intimo amico di Ugo Guarino, scultore e pittore, triestino ma residente a Milano (tutt’ora collabora con il Corriere della Sera) che durante i 3 mesi estivi risiede presso di lui. Insieme progettano e realizzano murales nel comprensorio, scritte “La liberta’ è terapeutica”, le 7 sculture “I Testimoni” costruite con materiali di scarto del vecchio manicomio, i “Collettivi Arcobaleno”. Collabora, insieme ai primi 6 obiettori di coscienza ed al personale medico ed infermieristico del “Manicomio”, all’allestimento di spettacoli nel comprensorio di levatura nazionale, con DARIO FO E FRANCA RAME, GINO PAOLI, GLI AREA, e tanti altri. Documenta la nascita delle prime strutture territoriali, dai “gruppi appartamento” (nei quali anche lavora per un periodo limitato come operatore) ai Centri di Salute Mentale. Collabora con le equipe televisive in visita alla realtà triestina, unica nel mondo, fornendo materiale fotografico. Dopo circa 9 anni di volontariato, diviene responsabile amministrativo del “Progetto per l’inserimento socio lavorativo degli handicappati”, finanziato dalla CEE e gestito dalla Provincia e dall’ENAIP, riuscendo a inserire nella realtà triestina nuovi modelli organizzativi (importati dalle equipe genovesi) quali le BORSE LAVORO, oggi ormai strumento consolidato per l’avviamento al lavoro delle persone diversamente abili. Viene successivamente assunto alle dipendenze dirette dell’Amministrazione Provinciale di Trieste dove tutt’ora lavora nell’ambito dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico. ---------------------------------------- ---------------------------------------------------- ARTICOLI E PUBBLICAZIONI: --------------- ---------------------------------------------------- 1."Handicap e Diritto al Lavoro", ed. Provincia di Trieste, 1981, pagg. 12. ------ ---------------------------------------------------- 2.Curatore, in qualità di operatore responsabile del Progetto CEE per l'inserimento lavorativo degli handicappati, degli aspetti amministrativi e di coordinamento della ricerca e della pubblicazione "Trieste - Guida alle Barriere Architettoniche Presenti negli Edifici Pubblici e Privati Aperti al Pubblico", ed. Provincia di Trieste, 1987, pagg. 268. ------------------------------------ ---------------------------------------------------- 3.Articolo su "Incontro" dd. 2.2.1975, numero 1/2, pag. 2, "Ospedale Psichiatrico", sulle tematiche dell'ergoterapia. ------------------------------ ---------------------------------------------------- 4.Articolo su "Incontro" dd. 2.12.1975, numero 8, pag. 6, "Dall'O.P.P. ai Centri Esterni", sull'evoluzione dell'assistenza psichiatrica. ------------------------------------ ---------------------------------------------------- 5.Articolo su "Incontro" del giugno/luglio 1976, numero 26, pag. 7, "Al Servizio del Quartiere", su un'esperienza di Centro Sociale". ---------------------------------------- ---------------------------------------------------- 6.Articolo su "Informazioni Sindacali" dd. 12.9.1982, numero 12, "Il Diritto del Lavoro Vale Anche per gli Handicappati".